logo
mail


INVALSI a.s. 2017-2018

3 maggio 2018: prova d’Inglese (V primaria); 
9 maggio 2018: prova di Italiano (II e V primaria) e prova preliminare di lettura (quest’anno, la prova di lettura è svolta solo dalle classi campione della II primaria);
11 maggio 2018: prova di Matematica (II e V primaria).

Le prove Invalsi 2018 per la terza media e le seconde classi delle scuole superiori si svolgono al computer, interamente on line e in più sessioni organizzate

INVALSI a.s. 2016-2017

Lo svolgimento delle prove INVALSI 2017 riguarderà gli stessi livelli scolastici già coinvolti nelle rilevazioni dell'anno scolastico passato e si articolerà secondo il seguente calendario:

  • 3 maggio 2017: prova preliminare di lettura (II primaria) e prova di Italiano (II e V primaria);
  • 5 maggio 2017: prova di Matematica (II e V primaria) e questionario studente (V primaria);
  • 15 giugno 2017: Test Invalsi di terza media

INVALSI a.s. 2015-2016
Per il materiale informativo visitare: www.invalsi.it

Lo svolgimento delle prove INVALSI 2016 riguarderà gli stessi livelli scolastici già coinvolti nelle rilevazioni dell'anno scolastico passato e si articolerà secondo il seguente calendario:

  • 4 maggio 2016: prova preliminare di lettura (II primaria) e prova di Italiano (II e V primaria);
  • 5 maggio 2016: prova di Matematica (II e V primaria) e questionario studente (V primaria);
  • 12 maggio 2016: prova di Italiano, prova di Matematica (II secondaria di secondo grado).

Esame di stato - classi III scuola secondaria di primo grado

17 giugno 2016: Sessione ordinaria - prova di Italiano, prova di Matematica;
22 giugno 2016: I Sessione suppletiva - prova di Italiano, prova di Matematica;
2 settembre 2016: II Sessione suppletiva - prova di Italiano, prova di Matematica.

Si ricorda inoltre che:
- scopo delle prove è fornire informazioni alle scuole, per riflettere e migliorare il servizio offerto;
- è fondamentale garantire la totale assenza di comportamenti opportunistici di qualunque tipo, altrimenti sarà inutile ragionare su dati che si rivelerebbero senza significato;
- i risultati verranno restituiti depurati da eventuali anomalie riscontrate a livello statistico, che verranno segnalate;
- le modalità di conduzione e correzione delle prove sono sostanzialmente immutate;
- l’esistenza dei quadri di riferimento (http://www.invalsi.it/areaprove );
- le prove non hanno lo scopo di valutare i singoli alunni;
- le prove non hanno lo scopo di individuare le classi migliori;
- le prove non hanno lo scopo di valutare i singoli insegnanti;
- la partecipazione è obbligatoria e rientra nell’ordinaria attività (cfr Legge 176/2007 e Legge 35/2012);
- le prove sono costruite in modo da “sgranare” i risultati all’interno di ogni classe: è pertanto del tutto normale che solo pochi alunni rispondano correttamente ad alcuni quesiti.

back to top




     




home